Fra parate e colpi di fuetto: Vitoria e la teoria aristotelica della schiavità naturale