Giuliano Finelli fra l’antico e il “moderno”: il Seneca del Prado e il Nerva dei Capitolini