After a brief survey of the guidelines of the European Union and the evolution of Italian regulations on gambling advertising, the essay focuses on the critical issues and risks still present, highlighted by the Authority for Guarantees in Communications (AGCOM) in its “Report to the Government” published immediately after the issue of the “Guidelines on the methods of implementing the ban on advertising contained in art. 9 of the so-called dignity decree”, as if to justify the contents of the latter, which tend to limit the operation of the absolute prohibition introduced by art. 9, d. l. n. 87/2018. With a very recent new act, art. 102, d.l. 14 August 2020, n. 104 (converted by law n. 126-2020), the Italian Government tried to crack down on the circumvention of national regulations carried out by online advertising of gambling offered on the web. The initiatives taken by EGBA (an association of gaming entrepreneurs authorized to operate in the E.U) - which published a Code of Conduct and urged the E.U. Commission to include in the new Consumer Agenda of the E.U. a specific series of rights for i-gaming - confirm that the online gaming area is the most risky and seem to follow the lines indicated by the European Institutions since the 2013 Resolution: self-regulation of operators and public regulation concerted at least between European Countries.

Dopo una sintetica ricognizione dei profili d’indirizzo dell’Unione Europea e dell’evoluzione delle norme nazionali in materia, il presente contributo si sofferma sulle criticità e sui rischi ancora presenti, evidenziati dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) nella “Segnalazione al Governo” pubblicata subito dopo l’emanazione delle “Linee guida sulle modalità attuative del divieto di pubblicità contenuto all’art. 9 del c.d. decreto dignità”, quasi a giustificare i contenuti di queste ultime, che tendono a limitare l’operatività del divieto assoluto introdotto dall’art. 9, d.l. n. 87/2018. Con un recentissimo nuovo intervento legislativo, contenuto nell’art. 102, d.l. 14 agosto 2020, n. 104 (convertito con modificazioni nella l. 13 ottobre 2020, n. 126 ), il Governo ha cercato di reprimere l’elusione delle norme nazionali realizzata dalla pubblicità on line del gioco d’azzardo offerto sul web. Le iniziative assunte da EGBA, associazione di imprendi- tori del gioco autorizzati ad operare nella U.E., che ha pubblicato un Codice di condotta ed ha sollecitato la Commissione ad inserire nella nuova Agenda dei consumatori della U.E. una specifica serie di diritti per l’iGaming, indicano che l’area del gioco on line è la più rischiosa e sembrano seguire le linee già indicate dalle istituzioni europee fin dalla Risoluzione del 2013: autoregolazione degli operatori e regolazione concertata almeno tra paesi europei.

Pubblicità del gioco d'azzardo

rossella Laurendi;Andrea Fusaro;Mauro Grondona;Chiara Cellerino;Roberta Braccia;Francesca Bailo;Patrizia Magarò;Chiara Graziani;Giovanna Savorani;Vincenzo Sciarabba;Simone Frega;Maura Fortunati;Antonella Madeo;Alberto Caselli Lapeschi;Marina Roma;Enrico Albanesi;Diego Baldoni;Lara Trucco
2021

Abstract

Dopo una sintetica ricognizione dei profili d’indirizzo dell’Unione Europea e dell’evoluzione delle norme nazionali in materia, il presente contributo si sofferma sulle criticità e sui rischi ancora presenti, evidenziati dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) nella “Segnalazione al Governo” pubblicata subito dopo l’emanazione delle “Linee guida sulle modalità attuative del divieto di pubblicità contenuto all’art. 9 del c.d. decreto dignità”, quasi a giustificare i contenuti di queste ultime, che tendono a limitare l’operatività del divieto assoluto introdotto dall’art. 9, d.l. n. 87/2018. Con un recentissimo nuovo intervento legislativo, contenuto nell’art. 102, d.l. 14 agosto 2020, n. 104 (convertito con modificazioni nella l. 13 ottobre 2020, n. 126 ), il Governo ha cercato di reprimere l’elusione delle norme nazionali realizzata dalla pubblicità on line del gioco d’azzardo offerto sul web. Le iniziative assunte da EGBA, associazione di imprendi- tori del gioco autorizzati ad operare nella U.E., che ha pubblicato un Codice di condotta ed ha sollecitato la Commissione ad inserire nella nuova Agenda dei consumatori della U.E. una specifica serie di diritti per l’iGaming, indicano che l’area del gioco on line è la più rischiosa e sembrano seguire le linee già indicate dalle istituzioni europee fin dalla Risoluzione del 2013: autoregolazione degli operatori e regolazione concertata almeno tra paesi europei.
After a brief survey of the guidelines of the European Union and the evolution of Italian regulations on gambling advertising, the essay focuses on the critical issues and risks still present, highlighted by the Authority for Guarantees in Communications (AGCOM) in its “Report to the Government” published immediately after the issue of the “Guidelines on the methods of implementing the ban on advertising contained in art. 9 of the so-called dignity decree”, as if to justify the contents of the latter, which tend to limit the operation of the absolute prohibition introduced by art. 9, d. l. n. 87/2018. With a very recent new act, art. 102, d.l. 14 August 2020, n. 104 (converted by law n. 126-2020), the Italian Government tried to crack down on the circumvention of national regulations carried out by online advertising of gambling offered on the web. The initiatives taken by EGBA (an association of gaming entrepreneurs authorized to operate in the E.U) - which published a Code of Conduct and urged the E.U. Commission to include in the new Consumer Agenda of the E.U. a specific series of rights for i-gaming - confirm that the online gaming area is the most risky and seem to follow the lines indicated by the European Institutions since the 2013 Resolution: self-regulation of operators and public regulation concerted at least between European Countries.
978-88-3618-055-4
978-88-3618-056-1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/1065626
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 1
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact