L'ufficio del Massimario e la logica del precedente