Weber, Geiger e la “teoria realistica” della validità