Distacco emozionale e libertà nella lettura gandhiana della Bhagavadgita