Scritte in aureo latino nella fase finale della sua esistenza, dalla metà del 1550 al 1555-1556, la Petri Bembi vita, la Gasparis Contareni vita e la Dissertatio adversus Petrum Paulum Vergerium rispondono a tre diverse esigenze della complessa figura di Giovanni Della Casa. La prima nasce con la decisione di ritornare da privato cittadino a Venezia — dove aveva trascorso un lustro da nunzio pontificio — dopo la morte di Paolo III, l’elezione di papa Ciocchi del Monte e l’offuscamento della potenza farnesiana: la biografia di Pietro Bembo doveva coniugare il mito sempiterno della Serenissima con il mito crescente del maggior letterato del tempo, del quale Monsignore evidenziava le fondamentali conquiste culturali e linguistiche insieme alla posizione di cardinale vicino al fronte riformistico di Gasparo Contarini. La cui biografia nacque invece su richiesta degli eredi e come ripristino apologetico di una memoria infangata dai nemici: assunta a fatica dal Casa nel suo ritiro di Nervesa e condotta sino al ritorno del Contarini dalla fallimentare Dieta di Ratisbona, fu interrotta per le difficoltà della materia, ma soprattutto perché, nel giugno del 1555, l’autore fu chiamato a Roma dal neoeletto Paolo IV (la Contareni vita sarà portata a termine agli inizi degli anni Sessanta da Piero Vettori). A distogliere Della Casa fu però anche un’improvvisa urgenza privata, la difesa dagli attacchi di Pietro Paolo Vergerio, che aveva allora diffuso le Epistolae duae con accuse infamanti nei confronti di Monsignore, che andavano dal piano personale (la lode dell’«arte divina» della sodomia nel giovanile capitolo del Forno) a quello etico-dottrinale, circa lo zelo persecutorio dovuto a smisurata ambizione di carriera; uno zelo simile a quello di Reginald Pole, esplicitamente attaccato nella seconda Epistola. La Dissertatio adversus Petrum Paulum Vergerium mette in opera gli schemi dell’improperium e del vituperium ad personam dell’oratoria ciceroniana, costruendo l’immagine di un nemico spergiuro, rissoso, scialacquatore, uxoricida, disposto all’apostasia. Ben lungi dalle biografie edificanti di Bembo e di Contarini, ne nasce un pamphlet di inaudita, e poco cristiana, violenza, che andrà in stampa solo oltre un secolo dopo.

Giovanni Della Casa, Scritti biografici e polemici. Petri Bembi vita, Gasparis Contareni vita, Dissertatio adversus Petrum Paulum Vergerium

Quinto Marini;Gabriella Moretti;Luca Beltrami
2020

Abstract

Scritte in aureo latino nella fase finale della sua esistenza, dalla metà del 1550 al 1555-1556, la Petri Bembi vita, la Gasparis Contareni vita e la Dissertatio adversus Petrum Paulum Vergerium rispondono a tre diverse esigenze della complessa figura di Giovanni Della Casa. La prima nasce con la decisione di ritornare da privato cittadino a Venezia — dove aveva trascorso un lustro da nunzio pontificio — dopo la morte di Paolo III, l’elezione di papa Ciocchi del Monte e l’offuscamento della potenza farnesiana: la biografia di Pietro Bembo doveva coniugare il mito sempiterno della Serenissima con il mito crescente del maggior letterato del tempo, del quale Monsignore evidenziava le fondamentali conquiste culturali e linguistiche insieme alla posizione di cardinale vicino al fronte riformistico di Gasparo Contarini. La cui biografia nacque invece su richiesta degli eredi e come ripristino apologetico di una memoria infangata dai nemici: assunta a fatica dal Casa nel suo ritiro di Nervesa e condotta sino al ritorno del Contarini dalla fallimentare Dieta di Ratisbona, fu interrotta per le difficoltà della materia, ma soprattutto perché, nel giugno del 1555, l’autore fu chiamato a Roma dal neoeletto Paolo IV (la Contareni vita sarà portata a termine agli inizi degli anni Sessanta da Piero Vettori). A distogliere Della Casa fu però anche un’improvvisa urgenza privata, la difesa dagli attacchi di Pietro Paolo Vergerio, che aveva allora diffuso le Epistolae duae con accuse infamanti nei confronti di Monsignore, che andavano dal piano personale (la lode dell’«arte divina» della sodomia nel giovanile capitolo del Forno) a quello etico-dottrinale, circa lo zelo persecutorio dovuto a smisurata ambizione di carriera; uno zelo simile a quello di Reginald Pole, esplicitamente attaccato nella seconda Epistola. La Dissertatio adversus Petrum Paulum Vergerium mette in opera gli schemi dell’improperium e del vituperium ad personam dell’oratoria ciceroniana, costruendo l’immagine di un nemico spergiuro, rissoso, scialacquatore, uxoricida, disposto all’apostasia. Ben lungi dalle biografie edificanti di Bembo e di Contarini, ne nasce un pamphlet di inaudita, e poco cristiana, violenza, che andrà in stampa solo oltre un secolo dopo.
978-88-6032-569-3
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/1020904
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact