Su case, prigioni e ossessioni. Dickens e Miss Havisham