L’intenzionalità degli “stati affettivi” secondo Levinas