La Corte bacchetta i costituzionalisti