Identità individuale e privacy alla prova di internet