La Corte costituzionale “salva” la disciplina statale sui servizi pubblici locali