L’oggetto perduto tra silenzio della morte e fantasma della scrittura. Lettura di Res amissa