La politica, il soggetto, la sparizione. Sulla poesia di Remo Pagnanelli