Giorgio Caproni. La lingua, la morte