Il criterio del “danno” nella definizione di disturbo mentale del DSM. Alcune riflessioni epistemologiche