«Matematici inurbani» e «fulmini tremendi»: ancora sul “melanconico Tana” (intorno al 1781)