Nel saggio viene presa in considerazione l'attività letteraria di Agostino Amedeo Tana nei primi anni Ottanta del Settecento, e si riflette sul ruolo da lui ricoperto nell'elaborazione del progetto dei "Piemontesi illustri".

«Matematici inurbani» e «fulmini tremendi»: ancora sul “melanconico Tana” (intorno al 1781)

TONGIORGI, DUCCIO
2012

Abstract

Nel saggio viene presa in considerazione l'attività letteraria di Agostino Amedeo Tana nei primi anni Ottanta del Settecento, e si riflette sul ruolo da lui ricoperto nell'elaborazione del progetto dei "Piemontesi illustri".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/887044
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact