Parole "falsamente letterarie": raccontare la fabbrica alla Olivetti