Tra Rasori e M.me de Staël: appunti sul giovane Gherardini