Il Lombardo-Veneto: compromesso araldico o laboratorio di cultura?