Si può ancora, oggi, difendere e praticare la retorica?