Quando lo scetticismo globale non ha senso