Lo statuto ontologico dell'immagine in Platone