Il dispositivo cinematografico tra psicoanalisi e ideologia