Fortuna e sfortuna di un letterato seicentesco