L’Uno che non divide e non esclude. Spunti a commento di Jan Assmann