Sull'espressione "figlio maggiore"