Enrico Pinna e Mariri Viardo: continuità del Moderno