Finte stigmate, monache e ossa di morti. Sul «buon uso della religione» in alcune lettere di Ercole d’Este e Felino Sandei