"Con voce più alta e stizzosa". Osservazioni su discorso diretto e dialogo nel romanzo