Note su intertestualità e romanzo cortese