Se per molto tempo il suo apporto è stato trascurato dagli antichisti e dagli storici dell’arte, Aby Warburg è considerato oggi come colui che ha posto le premesse per un’antropologia dell’immagine, disciplina parallela alla storia dell’arte, che si occupa di delineare una storia più ampia dell’immagine come prodotto “antropologico” e di tracciarne una vera e propria storia dello sguardo. Warburg ha rivoluzionato il quadro tradizionale di queste discipline e il rapporto, nello studio dell’immagine, fra l’apporto storico artistico e quello antropologico. La riflessione su alcuni aspetti centrali della sua ricerca è affrontata da A. Pinotti e A. Ducci, mentre il rapporto con l’antico è approfondito da B. Cestelli Guidi sul progetto di allestimento della Gipsoteca nella Kunsthalle di Amburgo, che fa riferimento a materiali inediti. G. Chiarini tratta il tema di Orfeo, centrale nel Bilderatlas. L’interesse per la circolazione delle immagini fra il Nord e il Sud dell’Europa e fra Oriente e Occidente e il rapporto fra i committenti e l’opera d’arte sono temi affrontati da E. Villari che ripercorre gli studi sugli arazzi come “veicoli mobili di iconografie”. Chiude il volume C. Cieri Via che traccia la storia della ricezione del rapporto fra Aby Warburg e l’antropologia attraverso gli studi degli ultimi decenni e analizza alcuni dei punti cruciali dell’antropologia delle immagini warburghiana.

Aby Warburg antropologo dell'immagine.

VILLARI, ELISABETTA
2014

Abstract

Se per molto tempo il suo apporto è stato trascurato dagli antichisti e dagli storici dell’arte, Aby Warburg è considerato oggi come colui che ha posto le premesse per un’antropologia dell’immagine, disciplina parallela alla storia dell’arte, che si occupa di delineare una storia più ampia dell’immagine come prodotto “antropologico” e di tracciarne una vera e propria storia dello sguardo. Warburg ha rivoluzionato il quadro tradizionale di queste discipline e il rapporto, nello studio dell’immagine, fra l’apporto storico artistico e quello antropologico. La riflessione su alcuni aspetti centrali della sua ricerca è affrontata da A. Pinotti e A. Ducci, mentre il rapporto con l’antico è approfondito da B. Cestelli Guidi sul progetto di allestimento della Gipsoteca nella Kunsthalle di Amburgo, che fa riferimento a materiali inediti. G. Chiarini tratta il tema di Orfeo, centrale nel Bilderatlas. L’interesse per la circolazione delle immagini fra il Nord e il Sud dell’Europa e fra Oriente e Occidente e il rapporto fra i committenti e l’opera d’arte sono temi affrontati da E. Villari che ripercorre gli studi sugli arazzi come “veicoli mobili di iconografie”. Chiude il volume C. Cieri Via che traccia la storia della ricezione del rapporto fra Aby Warburg e l’antropologia attraverso gli studi degli ultimi decenni e analizza alcuni dei punti cruciali dell’antropologia delle immagini warburghiana.
9788843070947
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/354315
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact