Recensione di G. Steiner, Linguaggio e silenzio