Recensione di D. Marconi, L'eredità di Wittgenstein