Induzione matematica e convenzione: Wittgenstein tra Russell e Poincarè