La validità della clausola arbitrale contenuta in un contratto di arruolamento alla luce del quadro normativo statunitense e di quello italiano