Nicola Trevet e la sua erudizione geografica nel Commento alla "Phaedra" di Seneca