Un purgatorio umanistico? Le vicende testuali di una visio fra latino e volgare