Libertà delle forme e scelte del "gusto". Focillon e Lionello venturi