La nozione di impossibilità come limite della responsabilità del debitore