Il libro giuridico tra mercato, censure e contraffazioni