L’ordinamento civile limite o materia? Alla ricerca di criteri flessibili