Restaurare il moderno: una contraddizione in termini?