Note sulla “Sylloga” di Eugenio Vulgario