Sui libri di diritto romano conservati nelle fonti papirologiche: alcune riflessioni