Il saggio si propone di esaminare i frammenti di libri dottrinali e autoritativi, ritrovati nei papiri e nelle pergamene di provenienza egiziana, pubblicati in questi ultimi anni. Per chi voglia condurre ricerche approfondite sulle raccolte di leggi imperiali o sulle opere della giurisprudenza romana non è infatti sufficiente lo studio dei Codices, siano essi il Gregorianus, l’Hermogenianus, il Theodosianus e il Justinianus da un lato o le Pauli Sententiae, i Tituli ex corpore Ulpiani e soprattutto i Digesta giustinianei dall’altro lato, ma è necessario prendere in esame anche quei materiali rinvenuti a partire dall’800 lungo la Valle del Nilo e nel Vicino Oriente, i quali sono talvolta addirittura coevi o comunque di età di poco successiva ai loro autori. Si tratta di libri, conservati purtroppo in modo quasi sempre frammentario e lacunoso, che testimoniano comunque la circolazione di queste opere nei tribunali e negli uffici amministrativi di una delle più importanti province romane d’Oriente: Ossirinco, Ermopoli e Antinoe sono località che peraltro non hanno restituito soltanto manufatti librari, ma soprattutto migliaia e migliaia di documenti della prassi giuridica, nei quali è possibile cogliere l’applicazione più o meno formale del ius di Roma.

Sui libri di diritto romano conservati nelle fonti papirologiche: alcune riflessioni / L. MIGLIARDI. - In: MINIMA EPIGRAPHICA ET PAPYROLOGICA. - ISSN 1128-2134. - STAMPA. - VII/VIII(2005), pp. 347-356.

Sui libri di diritto romano conservati nelle fonti papirologiche: alcune riflessioni

MIGLIARDI, LIVIA
2005

Abstract

Il saggio si propone di esaminare i frammenti di libri dottrinali e autoritativi, ritrovati nei papiri e nelle pergamene di provenienza egiziana, pubblicati in questi ultimi anni. Per chi voglia condurre ricerche approfondite sulle raccolte di leggi imperiali o sulle opere della giurisprudenza romana non è infatti sufficiente lo studio dei Codices, siano essi il Gregorianus, l’Hermogenianus, il Theodosianus e il Justinianus da un lato o le Pauli Sententiae, i Tituli ex corpore Ulpiani e soprattutto i Digesta giustinianei dall’altro lato, ma è necessario prendere in esame anche quei materiali rinvenuti a partire dall’800 lungo la Valle del Nilo e nel Vicino Oriente, i quali sono talvolta addirittura coevi o comunque di età di poco successiva ai loro autori. Si tratta di libri, conservati purtroppo in modo quasi sempre frammentario e lacunoso, che testimoniano comunque la circolazione di queste opere nei tribunali e negli uffici amministrativi di una delle più importanti province romane d’Oriente: Ossirinco, Ermopoli e Antinoe sono località che peraltro non hanno restituito soltanto manufatti librari, ma soprattutto migliaia e migliaia di documenti della prassi giuridica, nei quali è possibile cogliere l’applicazione più o meno formale del ius di Roma.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/206559
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact