Dennis, il sublime e il tragico