1. Introduzione. – 2. La ricostruzione della fattispecie oggetto della pronuncia delle Sezioni Unite. – 3. L’orientamento “estensivo” della Suprema Corte sulla portata del rinvio della l. 218/1995 ai criteri di giurisdizione stabiliti dalla Convenzione di Bruxelles del 1968. – 4. Il “luogo di consegna dei beni” ex art. 7 del regolamento Bruxelles I-bis nella vendita a distanza in mancanza di accordo tra le parti. – 5. Considerazioni conclusive.

Il riparto della giurisdizione in materia contrattuale alla luce del rinvio “infrasistemico” della legge italiana di diritto internazionale privato alla c.d. “disciplina Bruxelles I”

pietro sanna
2022

Abstract

1. Introduzione. – 2. La ricostruzione della fattispecie oggetto della pronuncia delle Sezioni Unite. – 3. L’orientamento “estensivo” della Suprema Corte sulla portata del rinvio della l. 218/1995 ai criteri di giurisdizione stabiliti dalla Convenzione di Bruxelles del 1968. – 4. Il “luogo di consegna dei beni” ex art. 7 del regolamento Bruxelles I-bis nella vendita a distanza in mancanza di accordo tra le parti. – 5. Considerazioni conclusive.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/1088434
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact