L’espressione Halal Food è frequentemente utilizzata nella prassi commerciale per indicare i prodotti del settore agroalimentare conformi alle prescrizioni islamiche. L’Autore offre una disamina dei principali profili problematici connessi alla certificazione di qualità di tali prodotti, anche in considerazione del crescente successo che il mercato dell’Halal Food riscuote nel mondo e, di recente, anche in Italia. La registrazione di marchi collettivi religiosi sembra attualmente il mezzo più affidabile di tutela dei consumatori circa l’effettiva conformità alle prescrizioni coraniche e, al contempo, il più rispettoso della libertà religiosa dei fedeli nonché dell’autonomia dell’ordine confessionale.

La certificazione di conformità del c.d "Halal Food"

Armando Giuffrida
2017

Abstract

L’espressione Halal Food è frequentemente utilizzata nella prassi commerciale per indicare i prodotti del settore agroalimentare conformi alle prescrizioni islamiche. L’Autore offre una disamina dei principali profili problematici connessi alla certificazione di qualità di tali prodotti, anche in considerazione del crescente successo che il mercato dell’Halal Food riscuote nel mondo e, di recente, anche in Italia. La registrazione di marchi collettivi religiosi sembra attualmente il mezzo più affidabile di tutela dei consumatori circa l’effettiva conformità alle prescrizioni coraniche e, al contempo, il più rispettoso della libertà religiosa dei fedeli nonché dell’autonomia dell’ordine confessionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/1063674
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact