Quale rilievo costituzionale del “gioco”?