La «modulazione nella simultaneità». "L'adieu à la vie" op. 26 di Alfredo Casella